FILETTO

Filetto Sito

FILETTO

Category:

27,00 

Descrizione breve:

Il Filetto di maiale viene salato più volte, per circa 5/6 giorni, misurando con attenzione il dosaggio del sale quotidiano. Dopo il periodo di salatura viene lavato, cosparso di pepe e messo a stagionare. Il massimo della fragranza della carne si raggiunge dopo un periodo di asciugatura che dura 15 giorni circa, durante il quale il prodotto è tenuto sotto stretto controllo. La carne si presenta al naso con ampie fragranze e in bocca piacevolmente saporita, con sentori e gusti in linea con un’impronta decisamente Toscana.

Disponibilità:

In magazzino

Compara

Potrebbe interessarti

PANCETTA

12,50  /Kg

Esistono tre tipologie di pancetta: stagionata stesa, stagionata arrotolata con cotenna, stagionata arrotolata senza cotenna. Cotenna o non cotenna è solo una questione di praticità, anche se, quella senza va consumata prima. Rimangono tutte in salatura una settimana e stagionano almeno 25 giorni. Più la stagionatura aumenta e migliore risulterà il prodotto finale.
Nella versione COTTA, la carne cruda viene salata, drogata tipo porchetta, e dopo una settimana in salatura, viene cotta per un ora e mezza nello strutto del maiale una volta raggiunta la bollitura.

LONZA

25,00 

Ottenuta da un’antica rielaborazione della carne in bigongia, questo salume si presenta ricco di sapore e deciso nelle fragranze, che contribuiscono a rendere ogni boccone una vera e propria festa per il palato. E’ da gustare rigorosamente affettato in modo sottile, da solo, o volendo con l’aggiunta di un filio di olio extravergine d’oliva non troppo robusto, meglio se accompagnato con una julienne d’insalata.

IL GREZZO

17,00 

Questo salume viene realizzato dal capocollo fresco del maiale, con l’aggiunta di una piccola percentuale di pancetta. Insaccato in un budello naturale e stufato circa 10 giorni. La stagionatura è più breve di un salame classico, perché va consumato abbastanza morbido.

GUANCIALE

11,50  /Kg

E’ la parte della gola del maiale, staccata e rifilata, poi salata e speziata in salatura llasciando riposare per 15 giorni. Poi, il prorotto viene lavato e cosparso di pepe, dopodiché rimane a stagioinare per un minimo di 60 giorni e oltre.

X