SALAME AL VINO ROSSO

Salame al vino sito

SALAME AL VINO ROSSO

Category:

Descrizione breve:

Anche in questo caso, la parte di carne utilizzata è quella del prosciutto, completamente macinato insieme ad un po’ dio pancetta magra. Dopodiché si spezia un pochino di più rispetto al classico Toscano e poi il tutto si impasta insieme alle spezie e al vino rosso, rigorosamente toscano. Poi viene insaccato in calibri piccoli (le pezzature non vanno ltre i 300/350 gr per il prodotto finito) e messo a stagionare per circa 40 giorni. Presenta spiccati profumi, avvolgenti, accompagnati da piacevoli sentori di vino, che impreziosiscono il boccone.

Disponibilità:

In magazzino

Compara

Potrebbe interessarti

COPPA DI TESTA O SOPPRESSATA

/Kg

Dalla testa del maiale con l’aggiunta della lingua dell’animale ma nessuna cartilagine per un maggiore pregio del salume. tre ore di caldaia. Poi viene spezzettata a coltello e rapidamente drogata e insaccata nella classica tela. Poi, il tempo di andare in frigorifero e il giorno dopo si può consumare tranquillamente in tutta la sua fragranza. Si realizza in due calibri 20 e 13 cm

GUANCIALE

/Kg

E’ la parte della gola del maiale, staccata e rifilata, poi salata e speziata in salatura llasciando riposare per 15 giorni. Poi, il prorotto viene lavato e cosparso di pepe, dopodiché rimane a stagioinare per un minimo di 60 giorni e oltre.

JERKY

Prodotto particolarmente interessante, realizzato con la parte magra della lombata del maiale, ripulito perfettamente da ogni sua parte grassa. Si ottengono delle striscioline più o meno lunge che vengono salate e aggiunte di spezie, aromi naturali e lasciate riposare per 4/5 giorni. Dopodiché, vengono infilzate e messe ad asciugare in un ambiente adatto. La grossa difficoltà di questo singolare salume è la “giusta” maturazione, che è molto vincolata ai periodi stagionali, con discrete differenze tra estate e inverno. Un gusto unico, molto speziato e con una decisa impronta di pepe.

FILETTO

Il Filetto di maiale viene salato più volte, per circa 5/6 giorni, misurando con attenzione il dosaggio del sale quotidiano. Dopo il periodo di salatura viene lavato, cosparso di pepe e messo a stagionare. Il massimo della fragranza della carne si raggiunge dopo un periodo di asciugatura che dura 15 giorni circa, durante il quale il prodotto è tenuto sotto stretto controllo. La carne si presenta al naso con ampie fragranze e in bocca piacevolmente saporita, con sentori e gusti in linea con un’impronta decisamente Toscana.

X